Il museo

La storia, l'inaugurazione, la visita
Sei in: Home » Il Museo

Nel nome, Museo di archeologia per Roma e nel sottotitolo, Dal centro storico alla città storica c’è l’intento di portare l’attenzione su tutta la città, sulle numerose testimonianze archeologiche distribuite ben oltre il confine delle mura che racchiudono il Centro storico.

Questo nuovo sguardo sull’archeologia a Roma, nasce da una lunga esperienza di ricerca.
Negli anni Novanta, in occasione di studi realizzati per dotare la città di un nuovo Piano regolatore, furono compiuti ricerche ed elaborazioni approfondite anche sulla distribuzione del patrimonio archeologico su tutto il territorio comunale. Una operazione al termine della quale fu chiaro che era auspicabile uno spostamento di scala passando da un investimento culturale da sempre focalizzato sul centro storico, alla città nel suo insieme: dal centro storico, appunto, alla città storica.

A distanza di molti anni, continuando a lavorare nelle zone ai margini della città, la convinzione che quella fosse la strada giusta si è andata sempre più rafforzando.

In questo quadro si è voluto lanciare un messaggio, progettando questo Museo, e formulare un auspicio, accarezzare la speranza che si rivolga uno sguardo nuovo e più ampio a tutto il patrimonio archeologico romano.
Non solo, quindi, rivolgere l’attenzione a parchi, già esistenti, quanto piuttosto anche a una miriade di resti, anche importanti, distribuiti nella città costruita (giardini, interstizi degli edifici, strade, residui di Agro, ecc.) che versano spesso in abbandono, ignorati, e che richiederebbero una nuova attenzione, che rappresenterebbe una svolta qualitativamente importante nelle strategie e nelle ricadute culturali della città.

L’intento è stato quello di creare un luogo che riuscisse a raccontare i risultati di tante ricerche sul campo, ma che potesse anche attrarre l’attenzione del pubblico sul ruolo che l’archeologia potrebbe svolgere come motore di qualificazione culturale della Roma fuori dalle mura, impropriamente considerata, da tanti punti di vista, periferica. Qualche anno fa, si è presentata l’occasione di utilizzare il casale detto “Villa Gentile” che per le caratteristiche dell’edificio, la vicinanza delle strutture universitarie e la collocazione in un’area verde, recintata e alberata, ben si prestava a ospitare il museo archeologico dell’Ateneo.
Su presentazione di un progetto, è stato vinto un finanziamento per la sua progettazione e realizzazione da Arcus S.p.A. (Mibac).

Il Museo è stato inaugurato a ottobre 2014. (vedi i video e la galleria fotografica dell’inagurazione)

L’edificio

Il Museo è allestito all’interno del Casale denominato Villa Gentile, costruito all’inizio del ‘900. L’edificio fu realizzato sfruttando strutture preesistenti appartenenti a ciò che restava della “Torre Vergata”, a sua volta realizzata sui resti di una cisterna sotterranea di una villa romana che giacciono sepolti nel parco tutt’intorno al Casale.

La torre fu costruita intorno al XIII secolo, come tante altre dell’epoca (SS. Quattro, Torrenova, Torre Bella Monaca, ecc.), aveva lo scopo di presidiare il territorio compreso fra le vie Labicana (antico tracciato su cui è ricalcata la via Casilina) e Tuscolana. Il nome “vergata” deriva dal tipo di muratura realizzata mettendo in posa, a fasce orizzontali, materiali con colore diversi creando un effetto “a righe” detto appunto “a vergata”.

In una parete esterna del Casale è possibile vedere alcuni frammenti della struttura più antica in due tasselli lasciati a vista. I resti visibili all’esterno appartengono ad antiche strutture collegate alla torre. All’interno del Museo si nota il particolare spessore delle pareti, appartenenti proprio alla torre.
Il casale, ristrutturato, ha conservato le porte a vetro dipinte, i portoni di ingresso e i soffitti in legno a cassettoni dipinti originali.

Il Casale è stato acquisito dall’Università negli anni ‘80 e ha ospitato diverse attività dell’Ateneo, fra cui la facoltà di Psicologia e poi la Facoltà di Scienze Motorie, prima di diventare la sede del Museo di Archeologia per Roma.

X